Deutsch   English   Français   Italiano  
<q3rikf$si5$1@news.albasani.net>

View for Bookmarking (what is this?)
Look up another Usenet article
   

Path: ...!news.albasani.net!.POSTED!not-for-mail
From: GMG <ejijg@scubatin.it>
Newsgroups: it.salute
Subject: =?UTF-8?Q?Re=3a_=c3=88_vero_che_una_patata_nei_calzini_cura_l=3finf?=
 =?UTF-8?Q?luenza=3f?=
Date: Mon, 11 Feb 2019 11:26:21 +0100
Organization: albasani.net
Lines: 27
Message-ID: <q3rikf$si5$1@news.albasani.net>
References: <q2rnsc$1os3$1@gioia.aioe.org> <q2roes$1rgl$1@gioia.aioe.org>
Mime-Version: 1.0
Content-Type: text/plain; charset=utf-8; format=flowed
Content-Transfer-Encoding: 8bit
X-Trace: news.albasani.net vSYEzlpqdXa96n4fjkoeE0c5CS6pYtEeYtdCqcZWeverqSqRR/T3hR7Y9nT4nnUazRGXnXbKfOPUhsVHqPZfNMNQg/n2aJLcL0+EFPcuxhZg1uoF6gC2u4ItyViG3nGf
NNTP-Posting-Date: Mon, 11 Feb 2019 10:26:23 +0000 (UTC)
Injection-Info: news.albasani.net; logging-data="ZGy2WfGXRYbu6AK+cqL5JqZmJnZemjWb2aeLuYeCYql8yWwu0vV7sKer429NUzCRTMnFx2wsFXwnzi3mu3d2WNoovVMyv1cXa7H2UlBlZFdih4KHRr0iHqLlKzxXxSPr"; mail-complaints-to="abuse@albasani.net"
User-Agent: Mozilla/5.0 (Windows NT 10.0; Win64; x64; rv:60.0) Gecko/20100101
 Thunderbird/60.5.0
X-No-Archive:  Yes
In-Reply-To: <q2roes$1rgl$1@gioia.aioe.org>
Content-Language: it-IT
Cancel-Lock: sha1:FncCmp7voxVz+/NGMeWMDGls8vY=

Il 30/01/2019 09:49, Mme Coquenard ha scritto:
> Principe Giannini wrote on 1/30/19 9:39 AM:
>> È vero che una patata nei calzini cura l?influenza?
>> https://www.starbene.it/salute/news/patate-influenza/
>>
>>
> 
> Sì, ma ci può mettere anche una settimana. E non occorre nemmeno metterla nei
> calzini, è talmente potente che funziona anche se sta ancora dal fruttivendolo.
> 

Mio nonno, agricoltore, che piantava e sopratutto
levava a forza di zappa le patate dal campo
di influenze ne aveva ben poche, direi nessuna a mia memoria...

Però quando fu ridotto alla
carrozzina, sempre in casa, al caldo, era sempre raffreddato...

Ecco dimostrato l'enorme effetto anti influenzale
della tubero chiamato patata


-- 
«I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima 
parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la 
collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso 
diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli».